2019.05.14 – UNDER14: FINALI NAZIONALI A BORMIO

Dopo un altro anno di intenso lavoro è giunto il momento tanto atteso di misurarsi contro le migliori squadre italiane Under14. Così martedì 13 maggio alle sette di mattina gli undici ragazzi convocati e i tre accompagnatori si sono radunati al solito parcheggio di Via Resia pronti ad intraprendere il tortuoso viaggio in direzione Valtellina. I ragazzi presenti a questo importante appuntamento sono Simone Feltrin, Davide Latino, David Pan, Fabian Pechlaner, Davide Rosa, Lukas Zelger, Felix Zozin più gli Under13 Elias Cavallaro, Filippo Ferrari, Manuel Spögler e Jacopo Zamignan. Ad accompagnarli il duo Armin e Marco oltre al Dirigente Gigi. Si diceva del viaggio particolarmente tortuoso e infatti, al termine dell’ultimo passo e prima di scendere nella Val Camonica, quello dell’Aprica, il mal d’auto ha giocato un brutto scherzo a qualcuno dei passeggeri. In ogni caso l’arrivo in albergo è stato puntuale e la presenza dei tecnici alla riunione tecnica garantita. Tutto pronto quindi per l’esordio in questa importante manifestazione, nel pomeriggio stesso, contro Tor Sapienza seconda classificata della regione laziale. L’avversario si presenta
inferiore sotto l’aspetto fisico, ma in partita riesce a mostrare delle notevoli doti difensive. Per i ragazzi capitanati da Simone riuscire a mettere palla a terra diventa subito molto difficile, mentre gli avversari riescono a raggranellare punti con pallette infide e tirando sulle mani del muro con efficaci mani-out. Questo tipo di gioco riesce ad innervosire parecchio i bolzanini che comunque al termine di un buon primo set conquistano meritatamente il parziale. Niente da fare invece nei due set successivi nei quali i laziali riescono a chiudere il parziale prima di subire il prevedibile ritorno di STS Volley. Sul punteggio di due set pari si giunge, così, al tie-break. Un tie-break giocato molto bene da parte dei biancorossi e sempre condotto – con un minimo margine di vantaggio – fino al 14: 13 in proprio favore. Purtroppo manca la zampata finale, che riesce invece agli avversari sostenuti per tutta la partita dal proprio numeroso ma soprattutto rumorosissimo pubblico. Con un po’ di rammarico per l’epilogo finale della partita e dopo avere (purtroppo) constatato che anche le altre due squadre del girone sarebbero state molto, ma molto forti ad attendere in albergo ragazzi e staff c’è la meritata cena. Ed ecco, poi, che durante la cena – con estrema sorpresa di tutti – inizia addirittura a nevicare creando inaspettatamente, grazie alle luci dell’albergo presenti in giardino, una strana atmosfera natalizia di maggio! Il secondo giorno di gare non lascia molto tempo per riflettere troppo sulla prima partita. Già alle nove è in programma la sfida contro Vicenza, squadra già affrontata al torneo Brugnara nello scorso mese di febbraio. Un avversario completamente diverso dal precedente, decisamente fisico e capace di giocare a buon livello una pallavolo più tradizionale. Anche qui – dopo l’avvio in salita – i biancorossi iniziano a prendere le misure ai vicentini, agganciando già a metà frazione gli avversari per arrivare, poi, per primi al ventesimo punto.
Dopo avere raggiunto il 21:20 a proprio favore, però, il cambio palla altoatesino se ne va in tilt a causa delle battute, decisamente pungenti, del capitano vicentino che ribalta il risultato favorendo il 25:21 a favore dei veneti. Secondo set senza storia, sull’onda del contraccolpo subìto dai biancorossi, con Vicenza che preme sull’acceleratore già dai primi scambi, imponendo agli avversari un perentorio 25:15 che significa 2:0 per i veneti. La reazione biancorossa arriva nel terzo set, nel quale gli altoatesini non avendo ormai più nulla da perdere decidono di vendere un po’ più cara la pelle, prima di cedere nuovamente 25:21 per un 3:0 purtroppo indiscutibile. L’ultima partita contro Alberobello assume il significato, quindi, di una pura formalità, senza avere più particolare valore in termini di classifica. A giocarsi l’accesso alla seconda fase sarebbero, poi, stati Tor Sapienza e Lexus Vicenza, con quest’ultima che la spunta prolungando la sua permanenza a Bormio. Tornando al match con Alberobello, STS Volley si ritrova di fronte ad una squadra molto simile ai laziali di Tor Sapienza, arricchita, però, dalla presenza di due ragazzi fisicamente più prestanti, uno dei quali schierato come martello di buona qualità. Il resto della formazione piuttosto bassa, anche se bravissimi in difesa, ma soprattutto micidiali in battuta. Battuta che fa letteralmente impazzire i ragazzi di STS Volley, per nulla avvezzi a confrontarsi con un simile livello del servizio avversario. Dopo l’inevitabile shock del primo set, i bolzanini provano a prendere le misure alle potenti battute avversarie, cosa che riesce solamente in parte, costringendo i biancorossi ad alzare bandiera bianca con la conseguente sconfitta per 3:0 che conclude la partita e la permanenza alla Finali. Il piazzamento conclusivo a livello nazionale dopo questa breve, ma intensa, esperienza sarà il venticinquesimo posto, mentre a laurearsi Campione d’Italia Under14 sarà la formazione lombarda dei Diavoli Rosa di Brugherio che in finale supera i corregionali di Montichiari.

STS Official Site