2019.02.12 – UNDER18: UNA SERATA SCIALBA

La Under18 biancorossa, rimasta a riposo nel corso del weekend, si presenta sul campo del Promovolley non appena iniziata la successiva settimana. Martedì 12 febbraio, infatti, nel turno serale ed infrasettimanale i ragazzi di Luigi, Paolo e Roberto scendono a Trento con un organico finalmente quasi al completo, con la speranza di fornire una prova arrembante. L’intenzione è, quindi, quella di dare spazio a tutti gli effettivi, specie in considerazione delle ottime prove fornite anche dai più giovani innesti nel corso delle ultime partite. L’orario serale o forse il giorno inconsueto per le abitudini dei ragazzi sembrano, invece, condizionare oltre il lecito la verve degli atleti biancorossi. Il gioco espresso non manifesta la sperata fluidità e, a condire il tutto, ecco anche una buona dose di errori gratuiti che già da tempo sono diventati il fardello che appesantisce i risultati dei bolzanini. A caratterizzare la serata storta degli ospiti altoatesini c’è anche l’evidente difficoltà di trovare un proprio ritmo di gioco, che possa generare la necessaria pressione sugli avversari al di là della rete. Per contro, sono proprio i padroni di casa a dettare i tempi sul campo e i biancorossi – oltre a subire le giocate del Promovolley – non riescono nemmeno a trovare le adeguate contromisure per ostacolarle. Ne scaturisce un incontro insipido nel gioco e nel risultato finale (3:1 per i trentini) nel quale anche i parziali, assolutamente mai nettissimi, sono motivo di rammarico per l’esigua differenza di punti messi a referto. Tranne il primo set chiuso (25:20) con uno scarto di cinque punti, gli altri parziali (25:23/23:25/25:22) evidenziano il fatto che con un po’ più di grinta e fortuna STS Volley avrebbe potuto raccogliere qualcosa in più da questa trasferta trentina. Nessun punto per i bolzanini, ma anche nessuna scusa accampata da Coach Luigi Marchi: “Non siamo riusciti ad avere la meglio sui nostri avversari nonostante l’evidente divario fisico e questo aspetto ci causa un po’ di preoccupazione, oltre che lasciare l’amaro per il risultato finale. È diventata una costante quella di complicarci la vita attraverso errori di sufficienza e scelte sbagliate nei momenti di alta tensione del match: non essere riusciti ad adattarci al gioco avversario, oltre a non essere riusciti ad imporre un ritmo a noi congeniale, sono le note più negative che ci dicono quanto ancora siamo lontani dagli obiettivi che ci siamo posti a inizio stagione. Non ho ricevuto le risposte che speravo dai singoli, ma non voglio nemmeno pensare di dovermi affidare ad un unico sestetto e sfruttarne gli automatismi fino allo sfinimento. Il sistema che stiamo allenando deve permettere a tutti di esprimere le proprie qualità e caratteristiche, senza perdere il controllo delle dinamiche di gioco. Questa sconfitta non compromette nulla per il prosieguo del campionato, ma onestamente ridimensiona i traguardi che ci siamo posti all’avvio del girone di ritorno.

STS Official Site